Mega Drive: Super Airwolf

Dal Pong alla PS5
SergioRetroForce
Site Admin
Messaggi: 311
Iscritto il: ven gen 31, 2020 5:05 pm
Has thanked: 29 times
Been thanked: 1 time

Mega Drive: Super Airwolf

Messaggio da SergioRetroForce »

Della serie 30 anni fa su Mega Drive: Super Airwolf 🙂
Basato sulla nota serie televisiva Airwolf, action military drama di Universal City Studios trasmesso per la prima volta negli Stati Uniti da CBS tra il 1984 e il 1986 e in seguito, sempre negli States, da USA Network nel 1987, Super Airwolf è uno shoot'em up multi-fase che alterna sezioni in elicottero (prima in quota e poi a volo radente) ad altre, vagamente à la Commando / Ikari Warriors, incentrate sulla penetrazione in presidiatissime basi nemiche e successivamente sul salvataggio di un prigioniero di guerra, per scontarsi infine di nuovo in volo con un boss finale.
Tecnicamente non disprezzabile tenuto conto della sua collocazione nella prima parte del life cycle della console e dello sviluppatore non blasonato (Kyugo Trading), questo titolo si articola in sei missioni, ognuna delle quali suddivisa nelle cinque fasi sopra descritte. Il tutto è poi coronato da intermezzi in cui il vostro committente vi chiede di scegliere la missione, precisando che quelle più difficili prevederanno un compenso più lucroso, consentendo così al vostro alter ego mercenario di acquistare armi più potenti.
Super Airwolf non è l'unico shoot'em up basato sulla serie televisiva di Universal City Studios. Il primo infatti fu rilasciato per ZX Spectrum, Commodore 64, Amstrad CPC e Atari a 8 bit da Elite System nel 1984. Ad esso seguì Airwolf II, titolo sviluppato dalla medesima etichetta per Spectrum, CPC e C64.
Sul fronte arcade la licenza venne tradotta nel 1987 da Kyugo Boueki in un horizontal shooter e poi su Famicom / NES in un altro shooter a scorrimento orizzontale sviluppato da Beam Software sotto etichetta Acclaim.
Su Mega Drive infine si verificò una curiosa dicotomia tra la release giapponese, appunto ufficialmente basata sul franchise Airwolf, intitolata Super Airwolf e contenente nella soundtrack un'apprezzabile Yamaha YM2612 chiptune cover del memorabile Main Theme di Rick Patterson, e quelle statunitenti e brasiliane. Le localizzazioni americane, infatti, persero per qualche motivo la licenza televisiva e vennero ribattezzate Cross Fire, nonché private della BGM che costituiva la firma musicale del noto TV show.


www.facebook.com/alessio.bianchi.37