Dragon: The Bruce Lee Story, MegaDrive

Dal Pong alla PS5
SergioRetroForce
Site Admin
Messaggi: 311
Iscritto il: ven gen 31, 2020 5:05 pm
Has thanked: 29 times
Been thanked: 1 time

Dragon: The Bruce Lee Story, MegaDrive

Messaggio da SergioRetroForce »

Dragon: The Bruce Lee Story... altro titolo di cui non si parla molto. Il motivo? Non per una realizzazione modesta, visto che onestamente Virgin Interactive Entertainment ha svolto un lavoro più che competente, con i grafici che hanno dato vita a una piacevole rappresentazione delle location e dei combattimenti dell'omonimo film. Il problema è probabilmente dato dall'indirizzo decisamente cinematografico adottato dagli autori, approccio che ha reso sì Dragon: The Bruce Lee Story un valido tie-in ma ne ha anche tarpato le ali nel contesto del gia' affollato panorama dei picchiaduro ad incontri.
La versione Mega Drive è meno colorata della controparte Super Nintendo e, come quest'ultima, meno ricca sul piano delle animazioni di quella Jaguar. Curioso notare come Virgin abbia cercato di compensare il ridotto numero di mosse e l'impossibilità di selezionare altri combattenti oltre all'onnipresente Bruce Lee con match singoli "Bruce vs. 2 opponents", altre varianti in ordine di tempo limite / ostacoli da distruggere, una modalita cooperativa che costituisce un'eccezione (è possibile aiutare Bruce guidando un altro personaggio e partecipando a match 2 vs. 1) e un battle mode con gameplay diversificato dei match standard e aperto ad un massimo di tre giocatori (ancora una volta tre Bruce Lee presenti in contemporanea a video con la complicità del Sega Tap). Ancora più curioso constatare l'assenza del player 3 in quest'ultima modalità nella versione Jaguar, essendo essa cronologicamente precedente alla commercializzazione del Team Tap.
In ogni modo, al netto di alcune scelte discutibili, Dragon: The Bruce Lee Story è comunque un tie-in che evidenzia un progetto ambizioso e una realizzazione appunto di spessore. Peccato però che alla fine dei giochi abbia nella relativa licenza un'arma a doppio taglio in grado di renderlo allo stesso tempo interessante e fortemente limitato dal suo taglio per l'appunto cinematografico-narrativo.


www.facebook.com/alessio.bianchi.37