International Superstar Soccer Deluxe per Mega Drive

Dal 1970 in poi
SergioRetroForce
Site Admin
Messaggi: 210
Iscritto il: ven gen 31, 2020 5:05 pm
Has thanked: 20 times
Been thanked: 1 time

International Superstar Soccer Deluxe per Mega Drive

Messaggio da SergioRetroForce »

International Superstar Soccer Deluxe per Mega Drive...
... ovvero: quando Factor 5 convertì ISS Deluxe per il 16-bit Sega... in zona Cesarini 😉
Venne difatti rilasciata quasi fuori tempo massimo, quando la console Sega stava definitivamente chiudendo il suo ciclo di vita (in Giappone aveva già timbrato il cartellino)... . Si tratta appunto della conversione del popolarissimo titolo calcistico sviluppato da Konami per Super Nintendo nel 1995.
La trasposizione per Mega Drive, rilasciata a fine 1996, fu realizzata dalla tedesca Factor 5, etichetta che molti ricorderanno principalmente per la serie Turrican. 😉
Ecco, ISS Deluxe per Mega Drive potrebbe essere definito il canto del cigno calcistico della popolare console Sega, in quanto porting appunto particolarmente tardivo e teoricamente confinato ai soli mercati europei e brasiliani (il "teoricamente" è d'obbligo, visto che per fortuna già ai tempi erano reperibili gli adattatori multi-regione 😉 ), ma piuttosto ben realizzato e nel complesso sufficientemente fedele, nei limiti del possibile, all'originale per Super Nintendo. 🙂
Strutturalmente pressochè analogo al modello SNES e per fortuna concepito per utilizzare appieno il joypad a sei pulsanti, l'ISS Deluxe di Factor 5 rinuncia necessariamente alla ricchezza cromatica sfoggiata dall'originale e ne raffredda e scurisce un po' la tavolozza, mantenendone però pressochè intatte dettaglio e fluidità.
Risulta meno gradito uno degli elementi di fedeltà all'originale, ovvero l'adozione della modalità video 256X224, formato cui sarebbe stato bene rinunciare in favore della di gran lunga più comune 320X224. Se Factor 5 avesse optato per quest'ultima e mantenuto ugualmente le proporzioni originali, si sarebbe potuto contare su una visuale orizzontale del campo più ampia... peccato che esigenze di celerità di sviluppo abbiano spinto il team a fare altrimenti. 🙁
Un altro punto dove il gap tecnico tra le due console si avverte chiaramente è senz'altro il sonoro. Benchè rechino la firma di Chris Huelsbeck e utilizzono il suo engine Wave Slave MD (già usato con ottimi risultati in Mega Turrican), infatti, le musiche di corredo, benche' tecnicamente tutto sommato apprezzabili, non aggiungono molto al comparto sonoro del gioco, mentre gli effetti e le svariate frasi campionate che simulano il "commentatore" risentono in ogni caso dei limiti del chip audio principale del 16-bit Sega. Va da sè però che i sample vocali, pur non essendo in assoluto nulla di speciale in termini di corposità e pulizia e risultando inferiori di numero (e durata nel caso del "GOAL!") rispetto alla controparte SNES, infliggono comunque un ampio distacco alla modestissima media della più popolare console della ex grande S in questo campo.
Sempre nel confronto con la versione Super Nintendo si pùò notare animazioni leggermente migliori sul 16-bit Sega nella fase dei rigori e, più in generale, l'assenza dei piccoli rallentamenti che punteggiavano l'azione in campo sulla console della grande N. D'altro canto c'è da dire che su MD l'"AI" dei giocatori avversari è relativamente più difficile da aggirare e i portieri un po' più arcigni nell'impedire le conclusioni a rete.
A favore dell'originale SNES c'è da menzionare un numero maggiore di animazioni di corredo a sostituzioni e festeggiamenti post-goal, la possibilità di sbloccare il team "All-Stars" e il mancato reset della formazione della squadra tra un match e il successivo.
In generale la versione Super Nintendo risulta complessivamente migliore nel single player e nel 2-player VS mode, mentre quella Mega Drive eccelle nel multiplayer. Su 16-bit Sega, infatti, è anche possibile collegare due multitap e giocare addirittura in 8! 😮
Insomma: International Superstar Soccer Deluxe per Mega Drive è un gol -non decisivo- in "zona Cesarini"... ma, alla fin fine, meglio tardi che mai 🙂

www.facebook.com/alessio.bianchi.37