Double Dragon, Mega Drive, 1987

Dal Pong alla PS5
SergioRetroForce
Site Admin
Messaggi: 207
Iscritto il: ven gen 31, 2020 5:05 pm
Has thanked: 20 times
Been thanked: 1 time

Double Dragon, Mega Drive, 1987

Messaggio da SergioRetroForce »

Tra le varie conversioni domestiche del coin-op Double Dragon (Technos Japan, 1987), ne figura una alquanto tardiva (1992) ma finalmente caratterizzata da un'estetica molto simile a quella dell'originale arcade: la trasposizione per Mega Drive sviluppata da Accolade e pubblicata sotto etichetta Ballistic.
A colpo d'occhio questo porting può sembrare quasi arcade perfect, sia pur con il cambiamento di proporzioni degli sprite dovuto al fatto che la modalità video adottata è la 320x224 a fronte della 240x224 del coin-op. Al netto di personaggi in generale più "longilinei", di qualche dettaglio dei fondali rimosso, di deterninate differenze nella tavolozza cromatica, di un Abobo senza taglio alla Mohawk e dell'utilizzo di un semplice cambio di palette a partire da uno sprite dei protagonisti per ottenere il boss Jeff senza "sprechi" di preziosi kB, Double Dragon per Mega Drive sembrerebbe appunto ragionevolmente "fedele" all'originale arcade.
L'apparenza però inganna: il gameplay infatti risulta diverso in ragione di una velocità superiore, di pattern dei nemici maggiormente uniformati e di un sistema di controllo più incompresibilmente vincolato a specifiche tempistiche, laddove non lo era nel coin-op.
Tutto questo si traduce appunto in una giocabilità e in un feeling differente con il conseguente rammarico per l'apparente mancanza di quella mano finale necessaria per colmare il gap con l'arcade, magari avvalendosi di una cartridge della capacità di 8 Mbit al posto di un supporto siliceo da 4 Mbit, "taglia" ormai sottodimensionata nel 1992 in rapporto al genere di riferimento. 🙁
Decisamente migliorabile anche il deludente comparto sonoro, "funestato" dal modesto sound engine Sound Images v1.0 e contraddistinto da una sintesi FM grezza, e a tratti acusticamente penetrante come un succhiello, nonché da effetti sonori ampiamente trascurabili. 🙁
Interessante notare come questa conversione sia stata oggetto di una ROM hack, "Double Dragon GENESIS - Arcade Fix", mirata a migliorarne il gameplay mediante il ripristino di determinate caratteristiche del coin-op, quali la corretta velocità dei nemici. Sempre con l'occhio all'originale arcade, una seconda ROM Hack, "Double Dragon - Enhanced Colors", ne ha corretto la tavolozza cromatica privilegiando tonalità più simili a quelle adottate a suo tempo dai grafici di Technos Japan. 🙂

www.facebook.com/alessio.bianchi.37