Demolition Man,Mega Drive,1993

Dal Pong alla PS5
SergioRetroForce
Site Admin
Messaggi: 207
Iscritto il: ven gen 31, 2020 5:05 pm
Has thanked: 20 times
Been thanked: 1 time

Demolition Man,Mega Drive,1993

Messaggio da SergioRetroForce »

Diretto dall'allora ex regista pubblicitario Marco Brambilla e incentrato sul confronto a tutta azione in salsa distopica tra Sylvester Stallone e Wesley Snipes, Demolition Man (1993) non può certamente dirsi un capolavoro della settima arte, anzi! 😉 E tuttavia il muscolarissimo action movie che annovera nel suo cast anche Sandra Bullock e Nigel Hawthorne risulta sufficientemente "esagerato" e opportunamente ironico da garantirsi un rilevante successo di pubblico, un punto a favore di Stallone nel suo duello cinematografico a distanza con Arnold Schwarzenegger (il contemporaneo Last Action Hero interpretato dall'ex Mr. Universo fu infatti un flop) e in prospettiva un piccolo cult per gli estimatori del genere.
Potevano forse mancare "propaggini videoludiche" della fortunata opera di sciur Brambilla? Ovviamente no! 😉 Due tie-in infatti vennero realizzati per 3DO (1994) e Mega Drive / Sega CD / Super Nintendo (1995) a cura di Acclaim Entertainment / Alexandria. Mentre la versione 32-bit è a tutti gli effetti un "multi-evento" che spazia dal rail shooter al racing game, passando per picchiaduro ad incontri e FPS, quella per le 16-bit console si presenta nelle allora più "tradizionali" vesti di action-platform / overhead run 'n' gun a scorrimento multidirezionale 🙂
Il solito trascurabile tie-in videoludico di un film di successo? Non esattamente 🙂 Mentre la versione 3DO venne criticata per le fasi VS best'em up troppo povere in termini di assortimento di mosse sia pur al netto di un generale apprezzamento sulla qualità visiva e della generale diversificazione del gameplayy, i cuginetti a 16-bit si limitano a compiere onestamente il loro dovere di giochi d'azione veloci e a tratti anche abbastanza frenetici, con dinamiche fluide e ben differenziate, un'estetica "sporca" se non a tratti povera ma stilisticamente non spiacevole e un fronte sonoro synthrock adeguatamente aggressivo, nonché graziato da ottimi FX.
Da riscoprire 🙂 ...tenendo in debito conto che il sistema di controllo ha le sue peculiarità (anche abbastanza discutibili) e necessità di un po' di pratica per essere sufficientemente padroneggiato. 😉

Demolition Man