Forgotten Worlds MegaDrive

Dal Pong alla PS5
SergioRetroForce
Site Admin
Messaggi: 135
Iscritto il: ven gen 31, 2020 5:05 pm
Has thanked: 19 times

Forgotten Worlds MegaDrive

Messaggio da SergioRetroForce »

Forgotten Worlds (Sega R&D 2, 1989 - Mega Drive) 🙂
Nel 1989 U.S. Gold affidò le difficili conversioni per home computer del noto coin-op Capcom Forgotten Worlds (1988 -di fatto impressionante "biglietto da visita" della CP System / CPS / CPS-1-) ad Arc Developments, team fondato due anni prima da programmatori provenienti dalla già blasonata Elite Systems. Questi porting non furono gli unici firmati da tali sviluppatori che, sempre nel 1989, si occuparono anche di Crack Down (ZX, CPC, C64, Amiga e Atari ST), R-Type II (Amiga e ST) e Dragon Breed (Amiga e ST).
Una caratteristica comune ai Forgotten Worls realizzati da Arc Developments è la drastica riduzione del numero degli stage: dai 9 del coin-op ai 4 delle versioni domestiche.
Se compromessi in questo senso erano inevitabili in considerazione dei 42 mbit (5,2 MB) del coin-op e delle severe restrizioni imposte dalla capacità dei supporti e dalla RAM disponibile, lascia in ogni caso perplessi la scelta di U.S. Gold di limitare a soli due floppy disk le conversioni per 16-bit home computer (per un totale di 720 kB -ST: 2X360- e 1,7 MB -Amiga: 2X880-) che altrimenti avrebbero potuto beneficiare di un numero maggiore di livelli. 🙁
Se se si prende atto della circostanza che, tra quelli sopra elencati, il porting graficamente più fedele all’originale è sviluppato da Nec Avenue per PC Engine Super CD-ROM², dovrebbe apparire chiaro che i supporti magnetici e silicei utilizzati su home computer e console diffusi a cavallo tra ’80 e ’90 non fossero i più indicati per una “riproduzione conforme” di un titolo del calibro di Forgotten Worlds.
La stessa versione Mega Drive, infatti, pur vantando un buon ritmo di gioco, il cooperative 2 player mode (assente su PCE CD), lo scorrimento parallattico (non riprodotto sul’add-on ottico NEC) e un discretamente implementato sistema di controllo (migliore di quello adottato da NEC Avenue sul joypad di serie), è sicuramente penalizzata sotto il profilo grafico dalla “taglia” assai limitata della cart: 4 Mbit, corrispondenti a soli 512 kB.
In ogni modo la trasposizione di Forgotten World realizzata per Mega Drive da Sega R&D 2 è e resta un valido esponente del genere degli shoot'em up megadriviani, a maggior ragione se si considera il ristrettissimo numero degli sparatutto a scorrimento orizzontale per il 16-bit Sega affrontabili anche nel sempre gradito cooperative 2 player mode. 😉

www.facebook.com/alessio.bianchi.37