Home Giappone Mangiare da veri Otaku : come la cultura otaku sta influenzando il...

Mangiare da veri Otaku : come la cultura otaku sta influenzando il cibo in Giappone.

23
0

Il Giappone è la mecca per gli otaku di tutto il mondo anche perchè è possibile dare sfogo al proprio modo di essere anche nel cibo; non si parla solo dei famosi caffè a tema o dei locali che ad Akihabara periodicamente sono dedicati agli anime, ma il discorso è ormai diventato molto più ampio di quanto sembri a prima vista.

Gli otaku sono personaggi particolari, che magari spendono anche cifre molto elevate per gadget e figure, ma che invece , quando si tratta della vita di tutti i giorni, le cose sono ben diverse.
La maggior parte degli otaku intanto è single e quindi tende a preferire il cibo pronto o semplice da preparare , come i ramen istantanei o questi mini-wurstel che vanno ormai molto in voga in Giappone come snack.

Lo scorso anno la “Nissin”, famosa ditta di noodle e ramen istantanei , era diventata molto popolare per la sua promozione sui ramen; in particolare ad ogni gusto di ramen era stata associata una ragazza anime diversa e inquadrando la scatola con una particolare app, la ragazza in questione compariva nel telefono davanti all’otaku e per cinque minuti, la ragazza virtuale lo avrebbe intrattenuto parlando e addirittura mangiando insieme a lui lo steso tipo di ramen.


Più recentemente la ditta “Marudai Food Co” di Osaka, ha deciso di fare un packaging a tema del suo “Tokuyo Wiener” (traducibile come “Wurstel economico”) a tema anime, per venire incontro ai gusti di quella che è una parte considerevole della sua clientela, ovvero gli otaku; non essendo cuochi particolarmente provetti , i mini wurstel diventano una scelta molto semplice da preparare come secondo piatto, senza contare che sono anche economici.

Per ora sono uscite le prime due confezioni con scene piuttosto familiari,mentre probabilmente la ditta avrebbe dovuto scegliere immagini più interessanti per un otaku, ma è un inizio; questo è comunque un segno dei tempi e di quanto gli anime e la cultura otaku inizino ad avere influenza anche commerciale in Giappone.

Altri esempi si trovano ad Akihabara, dove diversi negozi offrono dolci e cioccolata a tema per otaku, come questi biscotti a tema Maid, il cioccolato “Tsundere” o la tortina margherita con la sacerdotessa disegnata.




La cultura otaku in Giappone si sta quindi facendo strada anche fra il cibo comune, non solo più in quei settori o in quei contesti da cui la cultura è nata.

Immagini ed info : 1 ,2,3 e 4 .