Home Into the nerd groove “Frag Marathon” : una “Lan” da tre giorni .

“Frag Marathon” : una “Lan” da tre giorni .

787
0

Nelle giornate di venerdì, sabato e domenica si è svolta vicino a Torino, nei pressi di  Almese, un “Lan” di tre giorni a cui ho avuto la fortuna di fare un salto per curiosare un po’.

Non avendo mai visto una “Lan” non avevo bene idea di cosa avrei trovato, invece è stata un’esperienza davvero simpatica ; per chi non lo sapesse la “Lan” è una sessione di gioco prolungata, che può durare anche diversi giorni e in cui di solito si gioca tutti collegati e allo stesso gioco, a volte divisi in squadre e in questo caso, ognuno si era portato il proprio computer da casa.


La cosa che mi ha colpito dell’evento è che ci si sentiva un po’ come in una grande famiglia ; non solo per il fatto di giocare insieme, ma perchè i gamers mangiavano e dormivano anche all’interno della struttura, una condivisione che cementa sicuramente delle amicizie durevoli e profonde.


Azzardando una stima dell’età dei giocatori, cosa che mi permetto di fare perchè saranno stati miei coetanei se non più giovani, non deve essere facile con gli impegni della vita di tutti i giorni, avere il tempo di seguire anche la propria passione per i videogiochi.


Ho trovato una bella idea quella di ritrovarsi, anche se per pochi giorni all’anno, fra amici che ti capiscono proprio perchè hanno la stessa tua passione e gli stessi problemi; per qualche giorno si riesce a staccare dalla frenesia della vita di tutti i giorni e ci si dedica alla propria attività preferita nel proprio ambiente ideale e fra persone che ti somigliano.


Lo posso capire bene perchè mi sento allo stesso modo in Giappone quando giro per Akihabara.


Ho fatto un po’ di foto, sia ai case, che devo dire erano spettacolari, sia ai gamers che sono stati gentilissimi, nonostante mi infilassi dappertutto mentre giocavano e una nota di merito devo dire è stata quella di mettere anche una retro-postazione con un’ Amiga 1200, cosa che ho apprezzato particolarmente.


Faccio ancora i miei complimenti all’organizzazione e un saluto a tutti i gamers che quando leggeranno l’articolo saranno ormai ritornati alla vita di tutti i giorni.