Home Into the nerd groove La Yamaha ha rimesso in produzione i giradischi dopo quasi 30 anni.

La Yamaha ha rimesso in produzione i giradischi dopo quasi 30 anni.

77
0

Dall’inizio dall’anno, quando la Sony aveva annunciato di aver di nuovo iniziato la produzione di vinili, molto interesse si era di nuovo spostato verso un campo che era ormai dedicato solo ai collezionisti.
Nono stante questo il mercato dei vinili è attualmente in crescita stabile e negli USA il giro d’affari attorno ai vinili è di quasi 300 milioni di dollari; proprio al mercato americano saranno principalmente dedicati i nuovi giradischi.
Sulla famosa rivista giapponese “Nikkei” è apparso un articolo su questa novità, in cui si legge che saranno rilasciati a breve due modelli di giradischi analogici, cosa che non succedeva da 27 anni; alla fine di ottobre dovrebbero essere già infatti pronti il modello “TT-S 303” e il “MusicCast VINYL 500” che costeranno rispettivamente 58.000 yen (circa 500 dollari) e 90.000 yen (circa 700 dollari).
Sul sito Yamaha per gli USA vengono presentati entrambi i modelli di cui il Musicast, il più avanzato, ha anche la funzionalità wireless, un salto in avanti rispetto ai vecchi giradischi.
La stessa Sony ha rimesso i funzione la vecchia fabbrica “DADG” per produrre dischi analogici a gennaio del 2018, anche perchè il mercato giapponese stesso non è immune a queste influenze, e anche se con cifre meno impegnative, è in crescita come quello americano; molti artisti giapponesi infatti hanno ripreso da alcuni anni a pubblicare anche alcuni singoli in vinile.

Immagini ed info : 1 e 2