Home RetroComputer Il BINAC : 70 anni fa pochi minuti per calcoli annuali

Il BINAC : 70 anni fa pochi minuti per calcoli annuali

121
0

Nel ottobre del 1947 si arriva alla decisione di costruire il computer BINAC, il primo computer con programmi memorizzati. E’ considerato  anche il primo computer digitale, anche se secondo alcuni questo non corrisponde alla verità perchè probabilmente non sempre funzionante (nota personale: forse anche perchè i dati venivano memorizzati sotto forma di onda sonora?). Il BINAC è stato un computer progettato per la Northrop Corporation, produttore di aerei leader negli USA (la stessa azienda produrrà anni dopo il Stealth Bomber).
Il BINAC fu costruito dalla dalla Eckert-Mauchly Computer Co., fondata dai pionieri del precedente ENIAC, J. Presper Eckert e John Mauchly. La società diventò poi una divisione della Remington Rand Corp, che costruirà la mitica linea di computer UNIVAC.
Si trattava di un computer con due unità centrali indipendenti che confrontavano tra di loro i risultati causati da guasti dell’hardware. Aveva una linea di memoria di 512 parole, la frequenza di clock era di 1 Mhz (secondo alcuni 4,35 MHz) e i programmi potevano essere inseriti manualmente tramite un tastierino a 8 tasti o caricati da nastro magnetico.
Bisogna però tener conto che le memorie erano composte da lunghi tubi riempiti di mercurio che convertivano gli impulsi elettrici in onde sonore e poi convertite ancora in formato elettrico all’estremità opposta. Era un sistema che presentava diversi problemi perchè i tubi tendevano ad essere inaffidabili con il tempo oltre a perdere con una certa facilità i programmi memorizzati e quindi dovevano essere periodicamente riscritti. Inoltre per leggere l’informazione riportata dai tubi, la procedura permetteva una sola lettura, perchè una volta effettuata questa, l’informazione andava persa.
Sulla questione se il computer fu non funzionate oppure in grado di completare i calcoli, la questione un po’ si perde nella storia.
Il BINAC era comunque una meraviglia per il suo tempo perchè era in grado di compiere calcoli impensabili per l’epoca. In un documento di presentazione interno alla Northrop Corporation veniva infatti spiegata l’importanza di tale progetto:
“Questa macchina ha risolto in sette minuti un problema matematico sull’effetto di una certa pressione del vento … che avrebbe occupato un matematico per un anno, ha risolto l’Equazione di Poisson e ottenuto una rete di 26 soluzioni in sole due ore. In ognuna di queste soluzioni, il BINAC ha eseguito 500.000 aggiunte, 200.000 moltiplicazioni e 300.000 trasferimenti di controllo, il tutto nell’arco di cinque minuti …”4

 

Fonti e immagini: 1 – 2 – 3 – – 5