Home Console La Sega Saturn e il crollo del dominio sul mercato USA

La Sega Saturn e il crollo del dominio sul mercato USA

227
0

La Sega Saturn ha iniziato le vendite il 22 novembre 1994 in Giappone e nel corso del 1995 nel resto del mondo. Con la doppia CPU costruita in joint venture con la Hitachi avrebbe dovuto sostituire nei cuori dei fan la mitica MegaDrive e andarsi a scontrare con una delle console più famose della storia, la Sony PlayStation.
Proprio a causa di quest’ultima le vendite della Saturn sarebbero potute iniziare già un’anno prima, ma la Sega preferì potenziare l’hardware 3D della Saturn, ritardandone quindi l’uscita.
Dopo un successo iniziale in Giappone, la Saturn iniziò a perdere quota sia per le basse vendite in un mercato importante come quello degli USA (Sega nel ’93 comunicava di avere il 55% del mercato 16 bit), che per la concorrenza della PS e infine anche per il debutto della Nintendo 64, che in molti vedevano come unica possibile alternativa alla PS.

Nintendo 64

Le vendite del mercato USA probabilmente furono basse per un mix di diversi fattori. E’ un fatto certo che i fan Sega americani erano molto affezionati alla MegaDrive (chiamata Genesis negli USA) tant’è che il mercato delle cartucce negli USA è ancora molto attivo al giorno d’oggi (e sono passati più di 20 anni!).
Nel mix dei fattori che portarono la Saturn ad un deludente destino, ci fu la decisione che prese la Sega America di uscire con un supporto nuovo per la Genesis: la 32X.
La 32X era una periferica che avrebbe dovuto ringiovanire la Genesis e trasformarla da console 16 bit a quella a 32 bit. Fu voluta perchè forse l’esecutivo americano era preoccupato del ritardo sull’uscita della Saturn, dalla paura dell’Atari Jaguar che era stata appena messa in vendita e (soprattutto) perchè vedevano nella 32X una vendita davvero succosa. Milioni di persone che avevano la Genesis in casa avrebbero potuto trasformare la loro console e ritrovarsi così una 32bit in casa a metà prezzo di una console 32bit della concorrenza.

la 32X inserita sopra alla Genesis

Ma le cose andarono diversamente e a complicare le cose, ma qui si tratta di una mia idea molto personale, fu anche il fatto che se era vero che negli USA amavano la Genesis, in Giappone probabilmente meno e sicuramente non tanto quanto gli USA; il SuperFamicon e altre console andavano molto meglio e c’era quindi la speranza che la nuova console potesse diventare la numero 1 e ribaltare la situazione.

Superfamicom

Comunque fosse la 32X e la Saturn furono messi in vendita all’incirca nello stesso periodo e la Sega Japan decise di dare la priorità delle vendite alla Saturn.
Dopo un successo iniziale sia della Saturn in Giappone, che era accompagnata dall’allora popolare Virtua Fighter, che della 32X, per entrambi gli hardware Sega le cose iniziarono ad andare male. La 32X ormai fu considerata tecnologicamente superata, una sorta di pezza da mettere su una console vecchia e la Saturn incontrò i problemi visti prima.
Inoltre la Saturn non riuscì probabilmente a sfondare al di fuori del Giappone anche perchè il gioco che in quel momento maggiormente la rappresentava, cioè Virtua Fighter, in occidente era praticamente sconosciuto (per la Saturn uscirono anche Virtua Cop e Virtua Fighter II).

locandina Virtua Fighter 2

Viene però da pensare che la scelta di avere Virtua Fighter come unico supporto non fu una scelta del tutto voluta. Da molto tempo si stava lavorando su un titolo che secondo molti esperti avrebbe potuto cambiare la storia della Saturn e cioè Sonic-X-treme. Si trattava di un titolo 3D atteso e valido, ma le vicissitudini interne al direttivo Sega del tempo ne ritardarono l’uscita fino ad annullare il progetto del tutto (per la storia e per quello che sarebbe potuto essere con Sonic-x-treme rimando al bell’articolo su wikipedia.org).

Sonic-x-treme

PS. Ho appena accennato che la  fretta della Sega America di uscire con la 32X fu dettata anche dalla paura della Atari Jaguar,  messa in vendita a novembre 1993. Però non tutti sanno che le vendite dell’Atari Jaguar furono alla fine davvero bassissime: tra le 125.000 (fonte) e le 250.000 unità (fonte).  Fu la console che decretò il ritiro dal mercato delle console da parte dell’Atari.

Ho preso alcuni spunti, foto e numeri che non ricordavo dal seguenti sito: www.wikipedia.org