Home Anime Il disegno digitale sostituisce le “Celle” che diventano da collezione.

Il disegno digitale sostituisce le “Celle” che diventano da collezione.

237
0

Le animazioni originariamente erano disegnate tutte a mano, su fogli di supporto trasparenti fatti di cellulosa trattata appositamente ; per ogni secondo di anime venivano disegnate da 8 a 24 “celle”, a seconda del tipo di scena ed è facile capire perchè ci volessero anni a produrre un anime di qualità.

La cellulosa, pericolosa perchè altamente infiammabile, è stata poi sostituita dal triacetato di cellulosa che era ignifugo, ma il nome “cella”, derivato dal materiale originale, è rimasto.
Ecco un esempio di procedimento artigianale per realizzare una sola cella.

cel1
Credits : gunosy.com

 

cel2
Credits : gunosy.com
cel3
Credits : gunosy.com

Ora con l’avvento del disegno digitale, i tempi si sono ridotti ma purtroppo spesso anche la qualità e le “celle” stanno diventando ormai materiale da collezionismo; alcuni disegnatori, continuano comunque ad utilizzarle, soprattutto per lavori di una certa importanza artistica, ma per molti giovani disegnatori sono considerate una perdita di tempo e denaro.

Infatti la vernice per le “celle” deve essere preparata sul momento da tecnici specializzati, visto che la preparazione influisce sul colore finale e inoltre la vernice ha una scadenza, quindi una volta realizzata, la cella viene digitalizzata e poi messa via perchè non sarà più utilizzabile.
Ormai i video come quello che avete visto, sul procedimento per realizzare Sailor Moon sono relegati nel passato; il video infatti è degli anni ’90 ed era un bonus che si trovava allegato alla prima stagione della serie che era uscita come raccolta in laser disk.