Home RetroFuturismo La Monorotaia di Torino

La Monorotaia di Torino

29
0

Nel 1961 Torino era Futurista. Nel 2018 rimane solo il RetroFuturismo.
Nel 1961 si sono costruite tante cose con l’intento di trasformarla in una città con un piede nel futuro, peccato che quel piede lo abbiano messo da un’altra parte.
Senza esagerare nella polemica posso brevemente raccontare che in quel anno (e per 4 anni) a Torino funzionava una monorotaia bellissima e nelle intenzioni (o forse solo parole) di qualcuno avrebbe dovuto servire il resto della città che sta stava per crescere. Nel 1965 la monorotaia è stata smantellata (costava troppo, non serviva e tanti bla bla).

Se volete farvi un’idea più completa di quello che era questo pezzo di Futurismo italiano, vi consiglio di andare sul sito www.museodeltram.it oppure sul sito italia61.it.

Sul sito Italia61 potrete anche vedere altre opere e mezzi di trasporto che erano stati fatti sempre nello stesso anno e poi persi in quelli successivi.

credits: www.mole24.it

E per dimostrare che Torino era davvero Futurista ecco come la immaginavano 50 anni dopo nel 1961 (cioè ai giorni nostri)

Le foto sotto invece sono state fatte da me questa mattina e mostrano quello che rimane della monorotaia del 61 e di tutti i sogni e di quegli anni, ma prima di lasciarvi alle foto se qualcuno si chiede chi è il colpevole rispondo che secondo me siamo NOI. Si NOI che abbiamo lasciato fare, distruggere e peggiorare le nostre vite, ai politici e megaimprenditori di turno.
La filosofia del “Menefrego” porta a depositi di rifiuti al posto di veri parchi (e non quegli abbozzi che ci ritroviamo), porta a spianate di cemento/parcheggi auto al posto di piazze con gente in festa e porta  condomini blindati e afosi al posto alberi e bambini che giocano.