Home RetroFuturismo La rivoluzionaria ferrovia sospesa di Fletcher E: Felts del 1923.

La rivoluzionaria ferrovia sospesa di Fletcher E: Felts del 1923.

41
0
credits: www.spur.org

Nel lontano 1923 a Los Angeles il boom della vendita di automobili aveva già causato la congestione del traffico e nelle ore di punta i cittadini si lamentavano che in auto ci voleva anche mezz’ora per fare sei isolati.

Oltre alle auto  c’erano ovviamente anche tutti i mezzi pubblici, che all’epoca però venivano considerati trasporti di second’ordine, molti infatti preferivano l’auto che permetteva di viaggiare senza dover tenere conto degli orari prestabiliti.

Un inventore di Los Angeles , Fletcher E.Felts ebbe l’idea di sopraelevare il traffico in qualche modo, soprattutto quello degli autobus e propose la sua idea su diverse riviste dell’epoca, proponendo una sorta di “Metropolitana sospesa” che non avrebbe potuto risolvere solo i problemi di traffico di Los Angeles, ma anche di molte altre grandi città americane dell’epoca.

Il problema dell’epoca era lo stesso di adesso, cioè trovare dei finanziatori e su un giornale troviamo appunto scritto “Chi metterà insieme 16.000.000 dollari, in modo che Fletcher E. Felts possa passare sopra alla baia con la sua ^Ferrovia Sospesa Auto Motrice^ la cui promessa è di rivoluzionare il traffico con le rotaie?”
L’idea era rivoluzionaria anche per l’invenzione del sistema ad “auto motrice” in cui dei piccoli motori, attraverso appositi ingranaggi, guidavano le ruote che davano la propulsione ;  la rivista “Science and Invention” dell’epoca ne parlò in modo positivo dell’idea e persino la polizia locale si disse favorevole, ma  il progetto non fu portato avanti, un po’ per il costo della realizzazione, un po’ perchè considerato inutile e strampalato.

lightrail
credits: www.spur.org

Diversi decenni dopo nel ’54 si ritornò a parlate del progetto di Felts, ma nonostante i nuovi disegni con un design più moderno bisognerà aspettare ancora cinquant’anni per vedere a Los Angeles la “Light Rail” moderna, che comunque non si avvicina per bellezza anessuna delle sue precedenti bozze…

torpedo
credits: www.smithsonianmag.com
lightrail
credits: www.metro.net