Home TEK Gli effeti sonori del nuovo Mega Man 11 : un dietro le...

Gli effeti sonori del nuovo Mega Man 11 : un dietro le quinte inaspettato.

135
0

Molta attesa c’è fra i fans della serie Mega Man pe la versione numero 11 che uscirà il 2 ottobre prossimo ; il direttore di produzione Koji Oda ha voluto che la nuova versione fosse di qualità davvero alta , dato che i fans la aspettano da ben otto anni.
E’ infatti datata 2010 la versione numero 10 e questa volta il livello visivo si è molto alzato qualitativamente, tanto che il direttore ha voluto un restiling anche di tutta la parte sonora ed è stato richiesto un lavoro di rinnovo a tutta la parte audio, dagli effetti sonori, alle voci dei protagonisti fino alla colonna sonora.

Lo staff della parte audio ha voluto dare particolare risalto agli effetti sonori e per riuscirci ha deciso un approccio non convenzionale ma che è risultato davvero efficace ; invece di usare le librerie di suoni campionati, hanno deciso di ricreare loro dal vivo la maggior parte dei suoni con materiali di scena , di registrarli e poi mescolarli con quelli già campionati, con il risultato di suoni molto più realistici.

Le linee guida date dalla direzione erano di focalizzarsi sull’ambiente in cui avveniva il gioco e di produrre i suoni di conseguenza ; la maggior parte delle scene è ambientata in sorte di grossi cantieri edili , in cui Mega Man si trova a combattere con grossi mosti metallici o di pietra, fatti in parte da attrezzi da cantiere, quindi per renderele esplosioni più realistiche, al suono classico è stato aggiunto quello di lattine che sbattono fra loro, per ricreare la componente metallica.

Per fare questo uno del team si è messo un’armatura metallica, che è stata usata anche per il suono dei robot che camminano.
Per rendere più realistiche le scene di combattimento sono state usate e registrate delle spade vere e per i rumori delle giunture sono state utilizzati dei grossi giunti snodabili.

Un rastrello passato sul pavimento e una teiera vuota di latta per gli effeti di colpi sull’armatura e scivolate.
Insomma un approccio non convenzionale ma che si è rivelato vincente ed è piaciuto molto alla direzione ; nella breve intervista che segue a metà potrete infatti sentire i suoni in alcuni spezzoni e sono davvero azzeccati.