Home Focus 2 Il Sony Walkman

Il Sony Walkman

161
0

Oggi di 39 anni fa, in Giappone, mentre c’era ancora l’abitudine di mangiare il primo del mese i “Fagioli rossi”, veniva venduto il primo Walkman ovviamente marchiato Sony.
Dall’invenzione dei transistor che hanno permesso l’invenzione delle prime radioline portatili, al Sony Pressman che era una sorta di pre-walkman pensato per i giornalisti che utilizzava le microcassette con il suono che non era stereo, arrivare al Walkman per la Sony fu il passo successivo.

Il Sony TC-2850SD fu uno dei primi esempi di registratore portatile (1970)

Il Sony TC-1010 pensato per i giornalisti

Prima ancora del Walkman, la Sony mise in vendita il TC-D5., un prodotto simile stereofonico, ma dal prezzo molto alto (circa 1000 euro) e oltretutto non era così facilmente trasportabile.

Visto che le vendite non erano quelle sperate, e soprattutto in quel anno in prodotti di fascia alta non davano gli stessi risultati del passato, la Sony pensò di creare un prodotto leggero da trasportare e dal prezzo decisamente più basso.

Si decise il nome “Walkman” con chiaro riferimento al prodotto precedente “Pressman” e il 21 giugno 1979 il prodotto fu annunciato al pubblico.

All’inizio la Sony ricevette una serie di critiche. Il registratore più popolare all’epoca aveva venduto 15mila pezzi e la Sony invece decise di investire parecchi soldi nello sviluppo dello stesso e nella sua promozione: Sony organizzò anche dei tour in autobus in Tokyo con gli attori più famosi in posa con il Walkman.  Analogamente organizzò per i giornalisti dei tour dove grazie al walkman  venivano spiegati i vari luoghi.  Il prodotto piacque così tanto che in poco tempo si diffuse in tutto il mondo.

In dieci anni, invece che 15mila pezzi (o 30 mila pezzi come nelle aspettative dei più ottimisti) furono venduti 50 milioni di walkman.